Archivi tag: bill patterson

Copertina del volume

Biografia: The Man Who Learned Better

Copertina del volume della biografiaHo appena finito di leggere il secondo (e ultimo) volume della biografia ufficiale di RAH: Robert A. Heinlein in Dialogue with His Century – Volume 2: The Man Who Learned Better | 1948 – 1988″ del compianto Bill Patterson e ovviamente è difficile trattenere le lacrime.

Il primo volume era molto bello, era incentrato sull’infanzia e sull’adolescenza di Heinlein, sul suo servizio militare, sulle sue due prime mogli, sulla fine del suo secondo travagliato matrimonio e ovviamente sul suo debutto come scrittore sulle pagine di Astounding e sui primi anni della sua carriera, prima e subito dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Ma se il primo volume era molto bello, questo è mille volte superiore, questo è l’Heinlein più vicino a noi ed è raccontato molto più in dettaglio, sicuramente grazie al fatto che nella vita di RAH è arrivata Virginia Heinlein che con Bill Patterson ha potuto parlare in prima persona per diversi anni, durante le prime fasi della stesura della biografia. E le cose si fanno più reali, gli avvenimenti più emozionanti, i dettagli più vividi. Le opere di cui si segue la realizzazione non sono più solo i brevi racconti iniziali, ma i lunghi capolavori della maturità. E purtroppo si seguono anche tutte le malattie e i ricoveri di cui sappiamo da sempre, ma che per la prima volta viviamo con lui e Ginny in prima persona tra cadute e recuperi, dal 1970 fino alla fine nel 1988.

La lettura scorre molto veloce e piacevole, senza nessuna pesantezza; anzi, fosse stato anche più lungo e dettagliato sarebbe stato persino meglio (ma sappiamo che esiste una versione molto più lunga e che questa è stata tagliata per raggiungere una dimensione “pubblicabile”, per cui, chissà…). E si parla di un volume di 670 pagine (486 se non consideriamo le note)!

Sono tantissimi i dettagli che restano nella mente a lettura finita… le litigate con Forrest J. Ackerman, i brevi incontri con Osamu Tezuka, i campi di nudisti, lo scetticismo su Dianetics, la lunghissima gestazione di Straniero, la prima versione del Numero della bestia, la brutta esperienza con Panshin, i viaggi intorno al mondo, il rapporto con Hollywood, le minacce di morte da parte del’idraulico, lo sbarco sulla Luna, le case a Colorado Springs e Santa Cruz, le lettere dei fan dopo Expanded Universe, l’Hugo vinto senza che nessuno gli avesse detto nulla, le foto in cosplay (nel 1961!)… e soprattutto, semper toujours, Ginny, la vera coprotagonista di questo libro e senza dubbio la persona più importante nella vita di Heinlein. Il libro è anche una bellissima storia d’amore tra loro due e possiamo considerarci fortunati che si siano incontrati perché molto di lei è finito nelle opere del marito nel corso degli anni.

Fatevi un favore e compratelo, non ve ne pentirete.

William H. Patterson Jr.

Bill PattersonPurtoppo qualche giorno fa (il 22 aprile) Bill Patterson se n’è andato. Un giorno aggiorna gli amici su Facebook sulle sue condizioni di salute e il giorno dopo non c’è più.

Bill Patterson era lo studioso di Heinlein, la persona che Virginia Heinlein aveva scelto per scrivere la biografia di RAH. Biografia a cui ha lavorato per tanti anni e di cui il primo volume è uscito nel 2010. Il secondo (e ultimo) volume uscirà in USA tra pochissimi giorni, il 3 giugno.

Bill era anche il redattore dell’Heinlein Journal, la fondamentale pubblicazione con periodicità (molto) variabile interamente dedicata a Heinlein. Ed era a cura di Bill anche l’apparato critico della Virginia Edition. Insomma, negli ultimi 15 anni, ovunque si parlasse con competenza di Heinlein, Bill Patterson era lì.

Era anche una persona disponibilissima. Non ho mai avuto l’occasione di conoscerlo di persona, ma via internet è sempre stato ben più che semplicemente gentile. Per esempio mi inviava sempre i nuovi numeri dell’Heinlein Journal appena usciti (e poi ogni volta dovevo trovare un metodo pratico per pagarli… 15 anni fa Paypal non era utilizzato come ora, si usavano cose arcaiche come i money orders). Un vero gentiluomo di quelli di una volta.

Geo Rule (della Heinlein Society) fa sapere sul profilo Facebook di Bill che stanno cercando di vedere come fare a proseguire con l’Heinlein Journal (fermo comunque da anni perché Bill era occupato con la biografia) e per mantenere disponibili gli arretrati.

Bill raggiunge così, oltre Robert e Ginny, David Silver (il primo presidente della Heinlein Society, scomparso a febbraio), Riccardo Valla e Vittorio Curtoni (storici traduttori italiani, anche di RAH) tutti purtroppo scomparsi di recente. Troppi necrologi.

Qualche link per ricordarlo.

The Heinlein Journal

The Heinlein Journal #21

The Heinlein Journal Il numero 21 dell’Heinlein Journal è uscito con estremo ritardo e questa segnalazione è persino in ritardo sull’uscita.

Il numero è uscito in ritardo perché Bill Patterson, l’editor, è stato naturalmente molto più occupato del solito con la suo biografia di RAH. E questa segnalazione arriva comunque in ritardo perché sono riuscito a mettere le mani sul numero solo ora.

La data “di facciata” del numero è (il centenario), mentre quella reale è Primavera 2007.

Ecco i contenuti (tradotti in italiano i titoli dei contenuti, la pubblicazione ovviamente è in inglese):

  • Lettere: L’editor: “Grazie per la pazienza”;
  • Lettere: Ron Harrison: “Il superuomo è tra noi”;
  • Lettere: David Wright, Sr: “Erratum”;
  • Lettere: Ed Wysocki: “RAW Deal”;
  • Patrick Shepherd: “Elementi della voce di Heinlein”;
  • Tim Morgan: “Una visita all’8777 di Lookout Mountain Avenue”;
  • David Wright Sr.: “Anarchia razionale: un’analisi del tema dato dal professor Bernando de la Paz in La Luna è una severa maestra, di Robert A. Heinlein”;
  • Robert Gorsch: “Heinlein e l’età d’oro della radio”;
  • Linnea Jackson: “Perché nessuna utopia?”
  • Herb Gilliland: “L’universo di Heinlein all’accademia navale”;
  • Christopher Bertucci: “Umanità marziana: ibridazione in Straniero in terra straniera di Robert A. Heinlein;
  • Bill Patterson: “Il mondo come mito (letterario)”;
  • Eric Picholle e Ugo Bellagamba: prefazione e capitolo 21 di Solutions Nonfaisantes (tradotti dal francese);
  • Assegnato il premio Heinlein;
  • Critica – Bill Patterson: “Firsts – The Book Collector’s Magazine”;

La pubblicazione, così come gli arretrati, può essere acquistata sul sito ufficiale a 13 dollari per numero.