Archivi tag: starship troopers

Stella variabile

“Stella variabile” in Italia

Stella variabileEsce questo mese l’edizione italiana di Variable Star, per la casa editrice Armenia con il titolo Stella variabile (un titolo letterale, wow!).

Ecco l’annuncio dal sito dell’editore:

In un futuro ormai prossimo dove la colonizzazione dello spazio si sta consolidando, il punto di partenza è l’incontro fra due giovani, un compositore idealista e la nipote del magnate di un impero finanziario più che globale. Ma è lo spazio a rappresentare la realizzazione dei desideri del ragazzo, che si imbarca su una nave di coloni interstellari. Inizialmente, nonostante i rimpianti, la sua vita diventa il sogno di un solitario individualista, che vuole costruirsi una vita autonoma fra i pionieri del cosmo.
Ma se, come la fantascienza ci insegna da sempre, il mito americano della frontiera è sempre pronto a risorgere nello spazio, i tempi sono cambiati, e il viaggio conduce il protagonista Joel Johnston ad affrontare lo spettro di una distruzione senza precedenti. In uno scenario tecnologico aggiornato secondo le speculazioni scientifiche più avanzate e popolato da creazioni fantascientifiche passate e presenti (a partire da quelle di tante opere di Heinlein), si scontrano i sogni di innocenza e la prospettiva del cataclisma.

Segnalo inoltre, per Mondadori, un’ennesima (ma sembre benvenuta) edizione di Fanteria dello spazio. Sempre in uscita questo mese nella “Piccola Biblioteca Oscar”.

Off the Main Sequence

“A noi vivi”, Brad Barron e altro

Off the Main SequenceSempre riguardo A noi vivi, potete trovare un’intervista a riguardo della traduttrice Silvia Castoldi, nella terza puntata di Fantascienza.pod, il podcast di Fantascienza.com.

Un ringraziamento inoltre a Ernesto Vegetti per la citazione nella bibliografia in coda al volume.

In USA è da poco uscito un volume (per il SFBC) intitolato Off the Main Sequence (ora disponibile su Amazon.com) che raccoglie tutti i racconti “minori” di Heinlein, inclusi quelli che un tempo erano ritenuti gli “stinkeroos”, che si pensava Heinlein non volesse ristampare e che quindi non erano ristampati fin dalla prima edizione, o quasi.

Tito Faraci, nell’introduzione del numero 10 della miniserie Bonelli “Brad Barron”, parla diffusamente di Fanteria nello spazio, anche se cade nel tranello di considerarlo guerrafondaio (ma comunque un capolavoro).

Infine questo mese nell’ottima collana “Urania Collezione” viene riproposto il classico La luna è una severa maestra.